Mito e storia da i depositi della GAM

fino al 15 ottobre 2017

 

“Mito e storia dai depositi della GAM

 

Il ritorno all’antico, espresso sia attraverso il mito sia attraverso i personaggi letterari e quelli storici, costituisce un leitmotiv artistico dell’ultimo ventennio del Settecento e del primo ventennio dell’Ottocento. Il Mondo Antico come paradigma di riferimento della genesi creativa vedeva il fiorire generi diversi che si intrecciavano per dar vita a nuove iconografie degli immaginari, incaricate di traslare nel presente e nei suoi valori un grande repertorio della storia delle civiltà antiche e, per transizione, di quella dell’umanità.
La Galleria d’Arte Moderna – anche in virtù del suo periodo cronologico di riferimento – contiene all’interno della sua collezione numerose opere pittoriche e scultoree che hanno risentito sia di questo patrimonio immateriale classico sia della temperie culturale di riferimento in epoche come la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento. A Palermo, gli indiscussi protagonisti del perdurante clima neoclassico, i più ricercati dal collezionismo e i più acclamati dal pubblico grazie anche all’appoggio non imparziale della critica militante, furono prima Vincenzo Riolo (1772-1837) e poi il più giovane successore Giuseppe Patania (1780-1852), artefici in terra siciliana, secondo l’erudito classicista Agostino Gallo, di “nuovi e ulteriori progressi verso la perfezione artistica”.
La mostra Mito e storia dai depositi della GAM si configura dunque come una prosecuzione ideale del percorso della sala della collezione permanente dedicata al mito nelle produzioni degli artisti siciliani, in cui persisteva tenacemente la temperie figurativa neoclassica, a differenza di altre aree d’Italia, soprattutto a Milano e Firenze, in cui si era avviato il nuovo corso della stagione artistica romantica, con il conseguente e ricco dibattito critico che l’avrebbe sostenuta.
Il percorso espositivo si articola intorno a due nuclei tematici principali: miti storici e letterari e storie e personaggi del mito. La selezione di opere ripercorre attraverso le opere fatti e personaggi – storici o di finzione letteraria – entrati a buon diritto all’interno dell’accezione del mito, divenendo exempla leggendari di etica, valore, e morale con opere che affrontano miti storici e letterari che spaziano a livello diacronico nonché tematico: dall’epica virgiliana tradotta in pittura da artisti quali Vincenzo Riolo ai Paladini di Francia e alle loro gesta e avventure raccontate da artisti di epoche differenti e, ancora, da grandi inventori dell’Antichità che prendono parte con le loro invenzioni ad avvenimenti bellici alla costruzione narrativa del periodo arabo-normanno in Sicilia. Il tema del mito viene così riproposto attraverso le opere relative ai racconti sugli dei e sugli eroi – storici e leggendari - che costituivano per gli antichi Greci e Romani parte integrante della vita quotidiana, privata e soprattutto pubblica. Nel mito affondavano le radici culturali, i riti e le tradizioni, così come la fondazione delle principali istituzioni della società. Nel Mondo Antico il mythos, letteralmente ‘parola’, ‘racconto’, aveva un alto valore morale ed educativo in quanto offriva un patrimonio di valori etici che stava alla base di una forte identità culturale in grado di attraversare i secoli. All’interno di questo percorso, i miti vengono affrontati a tutto tondo, da quelli del mondo classico a quelli dell’immaginario socio-culturale occidentale cattolico.

La mostra è visitabile con il biglietto di ingresso del museo.

Di seguito l'elenco delle opere esposte:

Giuseppe Carta
(Palermo, 1809?-1889)
Gerone entra vittorioso a Siracusa
Olio su tela
Inv.n.649


Paolino Girgenti
(Palermo, 1778-1837)
Cupido dormiente
Olio su tela
Inv.n.665

Francesco La Farina
(Palermo, 1778-1837)
Danae
Olio su tela,
Inv.n.19

Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Astolfo restituisce il senno a Orlando 
Olio su tela
Inv.n.539

Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Archimede brucia le navi
Olio su tela
Inv.n.538

Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Battaglia tra Normanni e Musulmani
Olio su tela
Inv.n.540

Riolo Vincenzo
(Palermo, 1722-1837)
I Musulmani consegnano le chiavi di Palermo a Ruggero
Olio su tela
Inv.n.541

Riolo Vincenzo
(Palermo, 1722-1837)
Proserpina consegna a Pandora il vaso dei mali
Olio su tela
Inv. n.687

Giuseppe Patania
(Palermo, 1780-1852)
Venere e Vulcano
Olio su tela
Inv. n.639

Giuseppe Patania
(Palermo, 1780-1852)
Psiche vagheggiata da un satiro
Olio su tela
Inv. n.637

Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Enea accoglie i vincitori alle corse delle navi
Olio su tela
Inv. n.684


Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Alceste accoglie Enea nei lidi di Drepano
Olio su tela
Inv. n.685

Vincenzo Riolo
(Palermo, 1722-1837)
Enea sulla tomba di Anchise
Olio su tela
Inv. n.686


Corrado Cagli
(Ancona, 1910- Roma, 1976)
Gea
Tecnica mista
Inv. n.889


Sacha Cucchetti Robb
(Budapest, 1903 - Sazze, 2001)
Sirene
Acquarello
Inv. n.144

Angelo Dall'Oca Bianca
(Verona, 1858-1942)
Medusa
Pastello su carta
Inv. n.148

Corrado Cagli
(Ancona, 1910- Roma, 1976)
A Ganesa
Argento
Inv. n.891

Angelo Dall'Oca Bianca
(Verona, 1858-1942)
Figlia di Satana
Carboncino su tela
Inv. n.436

Angelo Dall'Oca Bianca
(Verona, 1858-1942)
Annunciazione
Pastello su tela
Inv. n.434


Giovanni Nicolini
(Palermo, 1872 – Roma, 1956)
Credi a me
Bronzo
Inv. n.281

Cecil Rea
(Londra, 1861-1935)
Ninfa nel bosco
Olio su tela
Inv. n.308

Pippo Rizzo
(Corleone, 1897-1964)
Paladini di Acitrezza
Olio su faesite
Inv. n.811

Antonio Ugo
(Palermo, 1870-1950)
Centauro in Vedetta
Bronzo
Inv. n.354

Ignoto
Ninfa e Satiro
Olio su tela
Inv. n. 30


Corrado Cagli
(Ancona, 1910- Roma, 1976)
Rombilapuni
Tempera su carta
Inv.n. 888


Giovanni Nicolini
Credi a me
Bronzo
Inv.281

Mario Rutelli
(Palermo, 1859-1941)
Najade
Gesso patinato
inv. 323


Tommaso Bertolino
(Palermo, 1897-1979)
Igea
Bronzo
Inv. n.1230

Per un approfondimento delle opere più importanti clicca QUI

Questo sito utilizza i cookie.

Continuando a navigare, accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sui cookies

www.gampalermo,it fa uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. www.gampalermo.it utilizza i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali  dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione. www.gampalermo.it utilizza i seguenti cookies:

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione dei form, non può essere garantita.

Cookie di funzionalità
Questi cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall’utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google Inc. Google Analytics utilizza dei cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web  ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .